Stampa la pagina
Notizia inserita il 06/02/2015

Credito d’imposta alle imprese musicali

In Gazzetta il D.M. 2 dicembre 2014 con cui il Ministero dei Beni Culturali indica le modalità operative per il credito d’imposta per la promozione della musica e dei giovani talenti previsto dal decreto Cultura (D.L. n. 91/2013).

Con l’obiettivo di agevolare la ripresa del sistema musicale italiano, viene istituito un credito d’imposta a favore delle imprese produttrici di fonogrammi, videogrammi e spettacoli musicali dal vivo (esistenti almeno dal 1° gennaio 2012), valido per il 2014, 2015 e 2016. Il credito è valido nella misura del 30% sui  costi sostenuti per attività di sviluppo, produzione,digitalizzazione e promozione di registrazioni fonografiche o videografiche musicali (a esclusione delle demo autoprodotte). L’agevolazione spetta fino all’importo massimo di 200.000 euro nei tre anni d’imposta.

Rilevano ai fini del credito d'imposta le seguenti spese:

  • i compensi relativi allo sviluppo dell'opera, quelli spettanti agli interpreti o esecutori, al produttore artistico, all'ingegnere del suono e ai tecnici, e le spese per la formazione e l'apprendistato
  • l'utilizzo e noleggio degli studi di registrazione
  • il noleggio e trasporto di materiali e strumenti
  • le spese di montaggio, missaggio, masterizzazione, digitalizzazione e codifica dell'opera
  • le spese di progettazione e realizzazione grafica
  • la promozione e pubblicità dell'opera.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione con F24, mediante utilizzo di un codice tributo che sarà istituito dall’Agenzia delle Entrate.

D.M. 2 Dicembre 2014: http://www.fiscoetasse.com/upload/Decreto-interministeriale-02122014.pdf

Abbonati

15.75 € + iva
Al mese
Abbonati
189.00 € + iva
All'anno
Abbonati
sfondo abbonati

Abbonati

Per essere aggiornato al 100%

15.75 € + iva
Al mese
189.00 € + iva
All'anno
Consulta i nostri Tutorial
sfondo abbonati
newsletter