Stampa la pagina
Notizia inserita il 17/10/2016

La Rassegna Stampa del giorno - Lunedì 17 ottobre

La rassegna stampa del giorno di lunedì 17 ottobre con le sezioni fisco, fisco e sentenze e lavoro

Scarica il PDF con la Rassegna Stampa del giorno - 17 ottobre 2016

 

Sezione fisco

 

1. Le perdite pregresse azzerano sanzioni e illeciti dichiarativi

Chance anche per chi ha chiuso in rosso

Accertamento. Le ricadute del Dlgs 158 e i riflessi del favor rei.

Nessun reato né sanzioni tributarie se l’imponibile accertato è annullato da perdite di esercizio o pregresse.

Autori: Antonio Longo e Antonio Tomassini

 

2. Ricalcolo con il nuovo Ipea oltre le passività di periodo

La procedura. Resta da definire la possibilità dello scomputo nel corso del processo.

Per abbattere i maggiori imponibili rilevati in un determinato periodo di imposta è possibile computare le perdite pregresse non ancora utilizzate (articolo 42, comma 4, Dpr 600/1973 ).

Autori: Giulio Andreani e Angelo Tubelli

 

3. Edifici da demolire, plusvalenze non tassate

Tra i giudici si rafforza il trend che esclude l’Irpef in capo al venditore ma restano sentenze contrarie

Trasferimenti immobiliari. Per la Cassazione non può esserci prelievo se il terreno è già stato edificato, anche se rimane una quota di cubatura realizzabile.

Non accenna a diminuire il contenzioso che oppone Entrate e contribuenti sull’imposizione ai fini Irpef della plusvalenza derivante dalla cessione di un fabbricato poi demolito dall’immobiliare acquirente, cessione “riqualificata” dagli uffici come avente ad oggetto un’area edificabile.

Autore: Giorgio Gavelli

 

4. Restano ancora contestazioni sull’Iva

Le imposte indirette. Nonostante la posizione della circolare 28/E/2011 ci sono casi di contenzioso in Ctp e Ctr.

Non sempre la Cassazione è stata univoca sulle controversie riguardanti la plusvalenza sulla cessione di fabbricati da demolire.

 

5. Dichiarazioni scritte di terzi da valutare

Focus anti. La Suprema corte è tornata a pronunciarsi in materia di dichiarazioni di terzi, affermando sempre di più l’importanza e la necessità di valutazione delle stesse da parte del giudice tributario.

Autori: Alessandra Rizzelli e Maurizio Villani

 

6. Calcoli in salita per il costo delle quote di Snc e Sas

Iter complesso per le società in contabilità semplificata

Reddito d’impresa. I criteri da seguire in caso di cessione, recesso o assegnazione.

Un problema con cui – presto o tardi – possono essere chiamati a confrontarsi molti professionisti è quello di determinare il costo fiscale della partecipazione detenuta in una società di persone. Il tema si pone a vari livelli.

Autore: Paolo Meneghetti

 

7. Importi ricostruiti a utilizzo esteso

Le ricadute. Oltre i casi di liquidazione ed esclusione.

Il primo utilizzo del valore fiscalmente riconosciuto della partecipazione è la determinazione del capital gain nel caso di cessione di quote.

 

8. Ma il professionista può affittare lo studio da una «sua» società

Ultimo comma. Non costituisce abuso del diritto la deduzione dei canoni di locazione relativi allo studio professionale, nel caso in cui il contratto di locazione dell’immobile sia stato stipulato con una società – proprietaria dei locali – di cui il professionista risulta essere socio di maggioranza (assieme al coniuge).

Autore: Dario Deotto

 

 

Sezione fisco e sentenze

 

9. Ispezioni a casa, limiti all’ok del Pm

Se il giudice tributario rileva l’assenza di «gravi indizi» i dati raccolti diventano inutilizzabili

Indagini. Illegittimo l’accesso non motivato dei verificatori nei locali diversi da quelli in cui il contribuente svolge la sua attività.

Spetta al giudice tributario verificare la sussistenza dei presupposti fondanti l’autorizzazione rilasciata dal pubblico ministero per l’accesso dei verificatori in locali diversi da quelli in cui il contribuente svolge la propria attività. In mancanza dei «gravi indizi di violazioni» richiesti dalla legge, l’autorizzazione è illegittima e tutti gli elementi di prova acquisiti nel corso dell’accesso sono inutilizzabili.

Autori: Fabrizio Cancelliere e Gabriele Ferlito

 

10. Cure dei chiropratici esenti dall’Iva se c’è la prescrizione

Imposte indirette. Le condizioni per l’esclusione.

Le prestazioni dei chiropratici sono esenti Iva quando sono eseguite dietro prescrizione di un medico, anche se il regolamento attuativo del registro per i professionisti del settore non è stato ancora emanato da parte del ministero della Salute.

Autori: Massimo Sirri e Riccardo Zavatta

 

11. Sport, il canone al socio non maschera gli utili

Terzo settore. L’affitto d’azienda per diritti commerciali equivale a distribuzione di profitti solo se l’ufficio prova che eccede il «valore normale»

La distribuzione di utili da parte di un ente sportivo dilettantistico – attraverso un contratto d’affitto di azienda con compenso in misura variabile – deve essere provata dall’ufficio, documentando la sproporzione del canone rispetto al «valore normale».

Autore: Sara Mecca

 

12. Addizionale del 10% sui bonus solo se «triplicano» la paga fissa

Persone fisiche. Il rapporto tra stock option e retribuzione invariabile decide l’applicazione del prelievo.

L’addizionale del 10% istituita dall’articolo 33 del decreto legge 78/2010, prevista sulle retribuzioni variabili percepite dai dirigenti che operano nel settore finanziario, deve essere applicata solamente quando queste ultime eccedono il triplo della parte fissa della retribuzione.

Autore: Guido Chiametti

 

13. La cantina «asservita» alla casa conta per la metratura di lusso

Agevolazioni. Le regole per il computo dei 240 metri quadrati con la «vecchia» disciplina sulle compravendite.

Per cantine e soffitte la superficie va inclusa in quella complessiva dell’immobile – ai fini del calcolo della soglia di 240 metri quadrati richiamata dal Dm 1072/1969 – quando queste sono asservite all’utilizzo dell’abitazione.

Autori: Ferruccio Bogetti e Gianni Rota

 

 

Sezione lavoro

 

14. Sconti a chi assume in solidarietà

Con le correzioni al Jobs act uno strumento in più per la ripresa delle aziende in crisi

Lavoro. Dimezzata l’aliquota addizionale a carico del datore in caso di trasformazione - Sostegno dell’Inps per le new entry.

Sono già operativi gli incentivi pensati per favorire la ripartenza delle aziende in crisi.

Autori: Ornella Lacqua e Alessandro Rota Porta

 

15. Risparmio maggiore se entra un giovane

Gli aspetti economici. Contributi ridotti fino a 29 anni.

La trasformazione del contratto di solidarietà da difensivo ad espansivo porta con sé tutti i vantaggi tipici di quest’ultimo istituto, favorendo l’incremento degli organici: questo avviene - attraverso la programmazione delle modalità di attuazione - con una riduzione stabile dell’orario di lavoro e la contestuale assunzione a tempo indeterminato di nuovo personale.

Autori: Ornella Lacqua e Alessandro Rota Porta

 

16. Il post con la pistola non è giusta causa di licenziamento

Lavoro. Condannata a risarcire il dipendente l'azienda che lo ha allontanato per una foto su facebook.

Non è legittimo licenziare un dipendente perché ha pubblicato una propria fotografia su facebook mentre impugna un'arma.

Autore: Marisa Marraffino

Abbonati

15.75 € + iva
Al mese
Abbonati
189.00 € + iva
All'anno
Abbonati
sfondo abbonati

Abbonati

Per essere aggiornato al 100%

15.75 € + iva
Al mese
189.00 € + iva
All'anno
Consulta i nostri Tutorial
sfondo abbonati
newsletter